Borsa Milano chiude pesante su timori Usa-Cina, rimbalza Unicredit, male utility

19

Piazza Affai chiude la terza seduta consecutiva negativa, penalizzata dai timori per l’impatto negativo sulla crescita globale dello scontro commerciale Usa-Cina.

Spostandoci sul fronte interno, continuano a pesare le preoccupazioni di una procedura Ue contro l’Italia sul debito. Anche se nel pomeriggio lo spread del rendimento fra i titoli decennali italiani e quelli tedeschi si è ristretto, facendo ritornare il sereno sui titoli bancari.

BANCHE in generale recupero. La frenata dello spread avvantaggia soprattutto UNICREDIT (+2,2%), la più penalizzata di recente da queste tensioni. JPMorgan, a seguito di un incontro con il CEO Jean Pierre Mustier e il CFO Mirko Bianchi, ha confermato ‘overweight’ sul titolo con un target price di 15 euro. Il broker ritiene che malgrado le condizioni macro sfidanti, l’obiettivo di Rote al 9% è raggiungibile grazie alle azioni del management sui costi e la riduzione degli NPE. Il broker…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer