Btp ancora deboli sottoperformano zone euro a vigilia aste, spread a un soffio da 280

3

A metà mattina la carta italiana scambia all’insegna della debolezza sottoperformando il resto del comparto europeo, appesantita dall’appuntamento con le aste a medio lungo di domani, in un contesto di generale avversione al rischio.

Oltre ai collocamenti di domattina — in cui il Tesoro offrirà tra 5,25 e 6,75 miliardi in Btp a tre, sette e 30 anni [nL5N22L26E] — pesano ancora le tensioni interne al governo a meno di due settimane dalle elezioni Europee e lo spettro di un duro scontro tra Roma e Bruxelles sui conti pubblici.

Più in generale, si osserva un clima di avversione al rischio alimentato dal vicolo cieco in cui sono finiti i negoziati tra Usa e Cina per il commercio: Washington chiede promesse di cambiamenti concreti alla legislazione cinese e Pechino annuncia di non voler accettare mosse che danneggino i suoi interessi. Venerdì è entrato in vigore l’aumento…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer