In Italia un nuovo assunto su cinque è nel settore food: cuochi e camerieri i più richiesti

3

Un nuovo assunto su cinque in Italia è nel food. A rilevarlo è la Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati nazionali relativi ad aprile 2019 del sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in
collaborazione con Anpal (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro). Dall’analisi di mercato emerge, che tra cuochi, camerieri, altri servizi turistici, operai specializzati e conduttori di macchinari nell’industria alimentare, sono oltre 82 mila le entrate previste dalle imprese in Italia ad aprile 2019, una su cinque sul totale di tutti i settori (415 mila). La Camera di commercio spiega nel dettaglio che si tratta di 73 mila tra cuochi e camerieri, con oltre uno su tre che ha meno di 29 anni (36,7% del totale delle entrate). Giovane anche il 27% dei quasi 9 mila operai specializzati nell’industria alimentare.

688mila assunti nel 2018
Sono circa 688 mila le entrate programmate dalle imprese del food nel 2018 di cui 627 mila come dipendenti assunti. I dipendenti di questi settori sono cresciuti del 2% rispetto all’anno precedente (erano 614 mila) e oltre uno su tre è giovane. Le figure più richieste sono i camerieri (275 mila dipendenti su 294 entrate previste) e i cuochi (155 mila su 162 mila entrate). Seguono i baristi (oltre 100 mila), gli addetti alla preparazione, alla cottura e alla distribuzione dei cibi (più di 40 mila) e i pasticceri e gelatai (14 mila dipendenti su circa 16 mila entrate previste). Di più difficile reperimento i panettieri e pastai artigianali (37%) e i cuochi (34%).

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer