Salone del libro: esclusa Altaforte la casa editrice vicina a Casapound

3

Una buona conclusione, che non deve far abbassare la guardia. La decisione di escludere la casa editrice filofascista la cui partecipazione (non su invito) al Salone di Torino, è stata presa grazie a una lunga e delicata mediazione che ha visto convergere gli sforzi di tutti coloro che hanno a cuore i valori della cultura e quelli della (fragile) democrazia italiana.

Un risultato impossibile senza le proteste levatesi in questi giorni sia da parte chi aveva deciso di disertare il Salone, sia da parte di chi – convinto che i valori della democrazia si difendano anche non lasciando il campo ai suoi nemici – aveva rivendicato l’importanza della partecipazione e deplorato con altrettanta forza le presenze nocive.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer