Sforzi insufficienti sul debito: cosa accade dopo la lettera di Bruxelles

8

Formalmente quello che è stato recapitato nelle ultime ore al ministro dell’Economia, a via XX Settembre 97 a Roma, è un primo avviso. O, per ricorrere a un’espressione anglosassone, un “warning”, che potrebbe preludere all’apertura nei confronti dell’Italia di una procedura d’infrazione per disavanzo eccessivo causato dalla violazione dela regola del debito.

Il contesto del semestre europeo
Il tutto si contestualizza all’interno della complessa disciplina di bilancio europea e in questa fase nel cosiddetto “semestre europeo”. Il semestre europeo, che si protrae da gennaio a giugno, è stato introdotto nel 2012, allo scopo di rafforzare la governance economica dell’Unione, attraverso un coordinamento preliminare delle politiche economiche dei paesi europei. Un coordinamento “ex ante” che si traduce in comunicazioni, interlocuzioni, presentazione del Def (il Documento di economia e finanza) ad aprile, raccomandazioni, scambio di documenti. Insomma, un calendario sostanzialmente strutturato che contempla una dialettica tra la Commissione e i singoli paesi soprattutto laddove si riscontrino deviazioni significative dalle regole Ue di bilancio.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer