Striscioni contro Salvini, il pm non convalida il sequestro: non offese ma critica politica

16

Gli striscioni sequestrati a Gioia del Colle, in provincia di Bari, il 21 maggio scorso, in occasione del comizio di Matteo Salvini, non avevano «una portata e idoneità offensiva». Si trattava piuttosto di «esternazioni del proprio convincimento politico» che «possono assumere toni aspri», ma che sono «prive di portata denigratoria del prestigio della funzione pubblica». Per questi motivi il pm di Bari, Iolanda Daniela Chimienti, non ha convalidato il sequestro di due striscioni da parte dei carabinieri e ha chiesto l’archiviazione dell’indagine per vilipendio a carico di ignoti.

GUARDA IL VIDEO: Selfie a sorpresa e striscioni dai balconi, la mobilitazione contro Salvini

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer