Borsa: Milano resta debole con Europa

13

Resta debole nel primo pomeriggio la Borsa di Milano (-0,2%).

A pesare sul Ftse Mib restano le utility: Snam (-3,5%), Iren (-3,1%), Acea (-2,68%), Hera (-2,6%), Terna (-2,5%), che staccano la cedola, così come Prysmian (-3,3%), Poste (-2,8%), Autogrill (-2,2%).

Immune da effetti del pagamento del dividendo invece Exor (+0,7%).

Prese di profitto su Tim (-1,2%), che oggi riunisce il comitato strategico.

In positivo Leonardo (+2,3%) e Juventus (-1,8%).

In ordine sparso le banche, con lo spread intorno a 243 punti base: Intesa (+0,5%), Bper (-0,6%), Banco Bpm e Unicredit (-0,7%)

In rosso le principali piazze europee, soprattutto con energia e beni voluttuari.

Maglia nera a Francoforte (-0,5%), dopo che l’indice Ifo sulla fiducia delle imprese a giugno è sceso ai livelli più bassi da novembre 2014 e con Daimler (-4%) dopo il lancio del nuovo profit warning, seguita da Madrid (-0,3%), Parigi (-0,1%) e Londra (-0,05%).Positivi i future a Wall Street,in attesa dell’apertura dei mercati Oltreoceano

Leggi anche altri post Milano o leggi Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer