Con l’ok al dl Crescita, Conte stacca Gentiloni nel ricorso ai decreti legge

16

Il voto di fiducia della Camera previsto nel pomeriggio spianerà la strada alla conversione del decreto crescita. Il provvedimento scade il 29 giugno e (dopo l’ok definitivo di Montecitorio) passerà blindato all’esame del Senato per incassare l’ok definitivo a inizio settimana. Finora sono stati 15 i decreti adottati dall’esecutivo giallo-verde nel suo primo anno di vita e convertiti in legge. Una pratica, quella del frequente ricorso alla decretazione d’urgenza, stigmatizzata recentemente dal presidente della Camera, Roberto Fico, che in una lettera inviata il 19 giugno al premier Conte, ha fatto riferimento «agli effetti che l’adozione dei decreti legge dispiega sulla programmazione e sull’ordinato svolgimento dei lavori parlamentari, anche in ragione della non contingentabilità dei tempi del loro esame presso la Camera».

GUARDA IL VIDEO – Decreto crescita in salita: servono 39 provvedimenti per attuarlo

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer