Dl crescita, via libera allo scivolo di cinque anni per la pensione

18

MILANO – Con il via libera definitivo al decreto crescita cambiano anche le norme sui cosiddetto contratti di espansione, lo strumento che permette ai lavoratori di lasciare al lavoro rispetto al raggiungimento dei requisiti anagrafici, attraverso uno scivolo fino a 5 anni, interamente finanziato dall’azienda.

I requisiti

La misura è prevista soltanto per i lavoratori di aziende impegnate in un processo di trasformazione tecnologica e con almeno 1000 dipendenti, che abbiano già maturato i requisiti contributivi minimi, cioè almeno 20 anni di contributi versati, e si trovino a non più di 60 mesi dal raggiungimento dei requisiti anagrafici, cioè all’età pensionabile. L’indennità sarà commisurata al trattamento pensionistico lordo maturato al momento della cessazione del rapporto di lavoro. La misura è prevista per il momento soltanto per gli anni 2019 e 2020.

I destinatari
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer