Golfo dell’Oman, due petroliere colpite in attacchi sospetti

    8

    DUBAI (Reuters) – Due petroliere sono state colpite nel Golfo dell’Oman, riferiscono compagnie di navigazione e fonti di settore, in presunti attacchi che hanno spinto al rialzo le quotazioni petrolifere un mese dopo che altre quattro petroliere sono state danneggiate da mine.

    Una delle navi cisterna, la Front Altair, che trasportava un carico di materiale petrolchimico, ha preso fuoco nelle acque tra gli stati Golfo e l’Iran dopo un’esplosione che una fonte attribuisce a una mina magnetica.

    Secondo l’agenzia di stampa statale iraniana la nave è affondata ma il proprietario norvegese afferma che sia ancora a galla e il suo equipaggio al sicuro.

    L’altra petroliera, di proprietà giapponese, è alla deriva senza equipaggio a bordo dopo un attacco che l’azienda che ha noleggiato la nave ritiene causato da un siluro.

    L’attacco di giovedì, i cui dettagli non sono…
    Leggi anche altri post markets o leggi originale


    Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer