Meglio il caffè a casa o in ufficio, Starbucks soffre nel Regno Unito

13

MILANO – Più consegne a domicilio e in ufficio e meno caffè al tavolo. Anche Starbucks comincia a risentire del cambio delle abitudine dei consumatori e nel Regno Unito, nell’anno fiscale chiuso a settembre 2018, il ramo britannico del colosso delle caffetterie ha registrato una perdita di 17,2 milioni di sterline, pari a 22 milioni di dollari, contro i 4,6 milioni di utile messi a segno l’anno precedente.

A pesare sui conti, riporta Bloomberg, anche il clima generale di incertezza in cui versa il Paese, ancora in attesa di conoscere l’esito della Brexit, con un crollo della fiducia da  parte dei consumatori e una sempre maggiore espansione dell’e-commerce a scapito dei negozi tradizionali.

Nel frattempo la catena, accanto alla chiusura di molti store, nel Regno Unito e nel resto d’Europa accelera sul franchising…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer