Borsa: Milano sale, giù Ubi, sprint Cnh

23

Piazza Affari gira di nuovo al rialzo (Ftse Mib +0,3%), con il calo dello spread tra Btp e Bund a 187 punti, che non giova i bancari Bper (-1,6%), Ubi (-1,38%), Intesa (-0,47%) e Unicredit (-0,24%).

Le banche risentono della trimestrale deludente di Deutsche Bank, che cede oltre il 2,5% sulla piazza di Francoforte.

Di segno opposto Fca (+1,97%), a una settimana dai conti semestrali, sulla scia dei dati di Peugeot (+2,2% a Parigi).

Bene anche Cnh (+1,7%), che presenterà la semestrale il giorno successivo.

Sugli scudi Stm (+2,12%), spinta, insieme agli altri produttori di microchip europei, dai risultati trimestrali della giapponese Advantest (+3,9% a Tokyo) e dell’olandese Asm (+5,65%) migliori delle stime degli analisti.

Acquisti su Juventus (+1,3%) e Campari (+1%), ferma in asta di volatilità Bio On su Aim (-51% teorico), che smentisce le accuse di truffa del fondo Usa Quintessential.

In luce Astaldi (+2,68%) in attesa dell’offerta definitiva di Salini Impregilo (+2,76%) entro la fine del mese

Leggi anche altri post Milano o leggi Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer