Confindustria: autonomia, Camere garanti

3

 Sul fronte delle autonomia “il dibattito parlamentare garantisca il bilanciamento dei diversi interessi” chiede Confindustria.

Per gli industriali l’autonomia differenziata può portare “efficienza e competitività” ma “nel rispetto dell’unità nazionale” e “assicurando però allo Stato la regia su materie fondamentali per l’economia nazionale”, come energia e infrastrutture.

Può portare a più efficienza e più competitività dei territori ma dovranno esserci anche “solidarietà, mediante la conferma dei meccanismi di perequazione tra le diverse aree del Paese” ed “equità con un meccanismo di premialità” per i territori che faranno risparmi e “responsabilizzazione” per chi eccede nella spesa Le misure del Governo, avverte il leader degli industriali, Vincenzo Boccia, non siano “contro il Sud, non contro la politica di coesione”: serve “una dimensione equilibrata”, ed “occorre un dibattito parlamentare”.
   Leggi anche altri post Milano o leggi Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer