Creme solari a protezione 50, Altroconsumo: “In due prodotti il fattore non supera il 20”

18

Affidare la pelle dei propri bambini a una crema solare e poi scoprire che il fattore di protezione reale è inferiore di 30 punti rispetto a quanto dichiarato. È quanto sta accadendo a molti consumatori italiani dopo che l’associazione Altroconsumo ha pubblicato i risultati dei suoi test su 16 prodotti. Due dei quali sono risultati non conformi. Si tratta di una crema Rilastil e di una Isdin. Il primo prodotto è il Baby transparent spray wet skin 200 ml, il secondo è il Transparent spray wet skin da 200 ml. 

Entrambi indicano il fattore di protezione (Spf) 50+ adatto, quindi, alla pelle dei bambini che è più delicata e sensibile di quella degli adulti. Ma secondo i test effettuati da Altroconsumo l’Spf sarebbe molto più basso: rispettivamente 20,9 e 16,5 per Rilastil e Isdin. Analisi ripetute, in seconda battuta, da un laboratorio indipendente che ha rivisto…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer