Ferrarelle, l’impianto dell’acqua si “rimangia” le bottiglie di plastica

22

Uno stabilimento unico nel panorama dell’industria alimentare, pensato per “digerire” la plastica che esso stesso produce e immette sul mercato. E’ l’impianto di Ferrarelle a Presenzano (Caserta), che nei primi sei mesi dlel’anno ha potuto riciclare circa 4,5mila tonnellate di Pet, ovvero il materiale delle bottiglie di plastica “riutilizzate e sottratte al circuito dello smaltimento e dell’inquinamento ambientale”.

La società ricorda, nell’annunciare questi risultati, che l’impianto “è frutto di un investimento di 27 milioni di euro”, ed è “pensato per produrre e, a breve rimettere in commercio, bottiglie nuove costituite al 50% da R-PET (PET riciclato), la quota massima consentita dalla legge”. A pieno regime, si assicura, lo stabilimento sarà in grado di recuperare l’equivalente di 1 miliardo di bottiglie, ovvero 23.000 tonnellate di Pet, il doppio di quanto ne utilizza Ferrarelle per produrre le sue bottiglie: ogni…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer