Ftse Mib resta sotto quota 22mila a metà seduta: deboli le banche, rimbalza STM

22

Piazza Affari resta in territorio negativo a metà seduta, con i bancari che mostrano una certa debolezza. L’indice Ftse Mib cede lo 0,34% a 21.828 punti in controtendenza rispetto agli altri listini europei che dopo un avvio incerto ora si muovono al rialzo. Sul fondo del listino milanese Ubi Banca che cede oltre il 2,5%, seguita da Pirelli che perde circa il 2% all’indomani dei conti della rivale Michelin. Ribassi di oltre l’1% per Tenaris, Banco Bpm e Unicredit. A guidare i rialzi Stm che rialza la testa dopo la seduta di ieri archiviata in calo dopo i numeri trimestrali e la guidance 2019.

googletag.cmd.push(function() {googletag.display(‘div-gpt-ad-4×1-0’);});
Intanto in mattinata si è tenuta l’asta del Tesoro…
Leggi anche altri post Agenzie o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer