Istat, stop Tasi prima casa vale 3,6 mld

24

Il gettito relativo al tributo sui servizi indivisibili (Tasi) ha registrato “un valore di circa 4,6 e 4,7 miliardi nei primi due anni di applicazione (2014 e 2015) che scende poi a circa 1,2 miliardi nel 2016 e 1,1 nei due anni successivi, in corrispondenza all’esclusione da tale tributo dell’abitazione principale”.

Lo fa sapere Gian Paolo Oneto che guida la direzione centrale per la contabilità nazionale all’Istat, in occasione dell’audizione in commissione Finanze alla Camera.

Quindi dal 2015 al 2018 si sono persi 3,6 miliardi di euro.

Il gettito complessivo di Imu e Tasi sulle seconde case dello scorso anno, sulla base dei primi dati provvisori, vale comunque “21 miliardi e 983 milioni”.

Nel dettaglio, nel 2018 l’Imu risulterebbe “in leggerissima riduzione” sul 2017 (a 19,9 mentre l’anno prima si era avvicinata a 20 miliardi) mentre la Tasi sarebbe stabile

Leggi anche altri post Milano o leggi Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer