Magrì Arreda chiude i punti vendita e licenzia tutti

37

Peggiora la crisi di Magrì Arreda. Da lunedì 29 luglio, i punti vendita sono rimasti chiusi e tutti i dipendenti che ci lavoravano verranno licenziati. Una situazione molto diversa rispetto a quella che si profilava fino a pochi giorni fa, con 35 licenziamenti ma tutti i negozi ancora aperti. Dopo la cessione del punto vendita di Trezzano sul Naviglio i dipendenti erano rimasti 59. I licenziamenti saranno quindi 52, dal momento che solo in sette si salveranno dall’epurazione, almeno per ora: quattro amministrativi, due impiegati e un legale.
 
Al momento della stesura di questo articolo le raccomandate cartacee non sono ancora arrivate ai diretti interessati, ma la comunicazione è stata anticipata via whatsapp e email. “Non solo ce lo aspettavamo, ma era quello che volevamo: liberarci di questo fardello” spiega Carlo Colagiacomo, lavoratore di Magrì Arreda e responsabile del punto vendita di Foggia. “Nei punti…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer