Piazza Affari: parte con il piede sbagliato il Ftse Mib (-0,5%), Ferragamo in controtendenza (+0,7%)

22

Apertura sottotono per il Ftse Mib che arretra dello 0,5% tornando sotto i 22.000 punti, proseguendo la debolezza di ieri. La giornata parte oggi con le indicazioni giunte dal Fondo monetario internazionale che parla di un’Italia vulnerabile alla volatilità dei mercati nonostante la politica monetaria della Bce, destinata a diventare più espansiva. L’istituto spiega la vulnerabilità del paese con i bisogni di rifinanziamento del debito pubblico e le possibili regole più severe sul credito, a causa dei livelli degli NPL (crediti deteriorati) delle banche italiane ancora alti.
Intanto, sono tornati in primissimo piano i timori legati alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. In particolare, le trattative tra Donald Trump e Xi Jinping, volte a trovare un’intesa commerciale, si sarebbero arenate sul dossier Huawei, il big cinese delle infrastrutture per tlc che è stato inserito nella lista nera del dipartimento del Commercio Usa, nel…
Leggi anche altri post Agenzie o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer