Riforma del processo civile: sentenza in tempi rapidi, ma non per separazioni, divorzi e affidi

18

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il progetto di legge delega che, se approvato dal Parlamento, nell’arco di due anni dovrebbe riformare il processo civile, oltre a quello penale. L’intento è di velocizzare tutte le procedure, così da arrivare a sentenza in tempi più rapidi rispetto a quelli attuali. Sarà da vedere, una volta che sarà approvata la legge definitiva, se gli strumenti pensati dal Governo centreranno l’obiettivo.
Stupisce però che nulla sia previsto per le famiglie in crisi, ovverosia per i giudizi di separazione, divorzio e affidamento, che rimarranno quelli più lenti in assoluto; il che è paradossale, visto che proprio quando è in gioco la vita delle persone, sarebbe opportuno prevedere meccanismi che diano a chi si lascia (specialmente se ci sono figli) regole certe in tempi ragionevoli. Le perplessità poi raddoppiano se si pensa a quanto questo governo dice di voler fare per…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer