Sterlina giù, dati deboli sulla distribuzione indicano calo del PIL del 2° trim.

14

Investing.com – La sterlina è in discesa negli scambi della mattinata europea di questo martedì, tra i segnali che l’economia ha cominciato a contrarsi ed i timori che la situazione possa solo peggiorare a breve termine per via del dramma della Brexit.

Nella notte, il British Retail Consortium ha riportato che le vendite al dettaglio su base comparabile sono crollate dell’1,6% rispetto all’anno scorso a giugno. Ha aggiunto che le vendite medie sugli ultimi 12 mesi sono scese dello 0,1%, la performance peggiore dal 2012.

Le spese dei consumatori britannici sono state “marcatamente più deboli” nel secondo trimestre, persino considerando la distorsione dello scorso anno dovuta ai Mondiali di Calcio, spiega il capo economista di EY ITEM club Howard Archer su Twitter. E aggiunge che i dati “alimentano la nostra idea (che) il PIL probabilmente registrerà una contrazione…
Leggi anche altri post forex o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer