Trevi, socio Trevi Holding porta Cda in tribunale su aumento, società si tutela

3

Trevi informa in una nota di aver appreso che il suo maggiore socio, Trevi Holding, ha depositato un ricorso presso il tribunale di Bologna “per irregolarità poste in essere dagli amministratori e dai sindaci” della società di ingegneria, “con richiesta di nomina di amministratore giudiziario”.

Al centro della contestazione dell’azionista, che possiede poco meno del 32% del capitale secondo il sito di Trevi, ci sarebbero i “ripetuti rilievi mossi da Trevi Holding in relazione alla manovra di rafforzamento patrimoniale”, in particolare sulla legittimità della delibera di aumento di capitale.

Trevi giudica senza fondamento il merito della contestazione e l’iniziativa legale che ne è derivata, sostenendo nella nota che è “chiaramente volta a pregiudicare la prosecuzione della manovra finanziaria e dell’operazione di ricapitalizzazione della società condivisa con i principali azionisti e con le banche creditrici che ne garantiranno il buon esito e positivamente accolta dal mercato”.
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer