Tria, correzione conti tra le più forti

12

Per evitare la procedura Ue c’è stata “una correzione molto forte, una delle più forti” con un aggiustamento strutturale, “forse il primo degli ultimi anni, condotto in una fase dell’economia abbastanza difficile in cui siamo ancora vicini a crescita zero” dice il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, in Senato.

L’intervento “ci ha messo in sicurezza” anche “sui mercati finanziari”.

Il governo ha garantito a Bruxelles di “continuare il programma di aggiustamento strutturale, non è stata fatta cifra” ma “un minimo di aggiustamento strutturale dovrà essere fatto” anche nel 2020.

Intanto tria avverte: “Dare sicurezza e prospettiva alla finanza pubblica significa far sì che anche interventi di riduzione fiscale abbiano effetto, altrimenti non hanno effetto”; “Non basta ridurre le tasse: se c’è una situazione di incertezza sul futuro nessuno investe e nessuno consuma perché stanno tutti lì ad aspettare la tempesta”

Leggi anche altri post Milano o leggi Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer