Trump apre all’Iran e spinge in basso il greggio. Petroliferi deboli

    11

    Investing.com – “Non stiamo cercando un cambio di regime”, in Iran, “vogliamo lavorare con loro”. Con queste parole il Presidente Donald Trump ha aperto a Teheran, per poi tornare ai toni più duri: “l’Iran non può avere un’arma nucleare”, e “deve lasciare lo Yemen”.

    Le dichiarazioni di Trump sono seguite a quelle del segretario di Stato USA, Mike Pompeo, il quale ha annunciato che è pronto ai negoziati con l’Iran circa il suo programma missilistico.

    Le parole di Trump e di Pompeo hanno provocato una forte calo del prezzo del greggio, sceso a 57 dollari al barile, seguito dal Brent, scambiato a 64 dollari.

    Sulla scia del calo del petrolio, oggi i titoli petroliferi restano deboli. Resta la peggiore Leggi anche altri post markets o leggi originale


    Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer