Ue, Patuelli (Abi): “No a fughe all’indietro, Italia torni protagonista”

13

MILANO – “Le fughe all’indietro come Brexit non portano maggior benessere, ma confusione e incertezze: nessuno può vincere da solo in un mondo globalizzato. La Ue è un condominio privo della regola fondamentale, la Costituzione: deve essere ripensata e riformata profondamente”. Lo ha detto il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, intervenendo all’assemblea dell’Associazione bancaria in corso a Milano. “L’Italia – prosegue Patuelli – deve essere co-protagonista di una nuova Europa più democratica e solidale, che cresca unita e rispettosa delle differenze che sono ricchezze del pluralismo di culture, economie e società”. “L’Abi – dichiara ancora il numero uno dell’associazione – chiede regole che garantiscano la concorrenza negli investimenti e nel lavoro, in un’Europa meno burocratica e più orientata alla ripresa dello sviluppo e dell’occupazione”.

Patuelli ha quindi insistito su tema del debito pubblico. “Sempre crescente dalla fine degli anni…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer