Un po’ casa, un po’ hotel: Cristina Paini e la nuova frontiera dell’hospitality

40

Questo albergo è una casa. Nel vecchio detto, parafrasato e capovolto, c’è tutta la filosofia dell’impresa realizzata da Cristina Paini. La prima a importare in Italia un modello di gestione tipico dei mercati anglosassoni che fa della struttura alberghiera una sorta di condominio tra hotel di lusso, 4 e 5 stelle, e residenze per dare al viaggiatore un’ospitalità personalizzata.  

La sua società, Lhm, Lab&Hotel management company, fondata nel 2012, di cui è ceo, gestisce  realtà che all’interno dello stesso complesso immobiliare combinano camere ad uso hotel e appartamenti ceduti in base a contratti di lungo periodo. L’anima del suo progetto è un accordo commerciale con Wyndham Hotel Group International, un colosso mondiale del franchising alberghiero con più di 7500 hotel e dodici marchi tra cui Ramada Plaza, Days Inn, Tryp Hotels, Super 8, Rci Network. Obiettivo dell’intesa: aprire, per conto e con…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer