Auto a guida autonoma: il furto dei segreti industriali costa caro all’ex manager Google passato a Uber

22

Se ne era andato da Google portandosi dietro i segreti dell’auto autonoma della controllata Waymo: un disco fisso con 14mila file sensibili segretissimi. Poi è passato a Uber, la società rivale, alla quale li avrebbe venduti per 680 milioni di dollari. L’ex ingegnere di Waymo Anthony Levandowsky è al centro della disputa legale tra le due società avviata nel 2017 da Google.

Uber ha già patteggiato il pagamento di 245 milioni di dollari per chiudere il caso. Ma ora è arrivata l’incriminazione formale sull’ex manager di Google da parte del procuratore federale di San Jose, in California, con 33 capi di imputazione.

Leggi anche altri post su Economia Mondo o leggi originale
Auto a guida autonoma: il furto dei segreti industriali costa caro all’ex manager Google passato a Uber


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer