B. Valsabbina: utile netto al 30/06 a 8,5 mln

26

Clicca qui per i Grafici di Total

Il Cda di Banca Valsabbina ha approvato la situazione patrimoniale ed economica semestrale al 30 giugno che, nonostante il generale rallentamento della congiuntura economica, evidenzia un utile netto di 8,5 milioni di euro.

“Questi numeri raccontano una realtà dinamica e attiva nel supportare i territori in cui opera, dove reinveste la gran parte delle risorse raccolte, e ne confermano la capacità di creare valore per i propri soci, ha dichiarato Renato Barbieri, Presidente di Banca Valsabbina. Nel corso del primo semestre del 2019 è ulteriormente cresciuto l’organico, passato dai 575 dipendenti del giugno 2018 agli attuali 626. Un numero, questo, con l’apertura di Torino, il 2 settembre prossimo, e di Cesena, dove apriremo entro l’autunno, andando così a rafforzare ulteriormente la nostra presenza in Emilia-Romagna, dove siamo già operativi con le filiali di Bologna, Modena e Reggio Emilia”, ha concluso Barbieri.

A fine semestre la raccolta diretta da clientela è stata pari a 3.652 milioni di euro, in crescita del 15,71% rispetto al 30 giugno 2018. La raccolta indiretta ha sfiorato i 2 miliardi, in crescita di circa il 10% rispetto al corrispondente periodo del 2018. Il comparto gestito ha avuto una crescita del 14,06% rispetto allo stesso periodo del 2018. I risultati raggiunti nel risparmio gestito sono di gran lunga superiori a quelli registrati dal mercato, grazie a un’intensa attività di formazione

dei nostri collaboratori e al potenziamento del “private”. La raccolta complessiva ammonta a 5.685 milioni di euro, in aumento del 13,87% rispetto a giugno 2018.

Gli impieghi a clientela in bonis, a conferma del sostegno della Banca alle economie del territorio, ammontano a 2.910 milioni di euro, con un aumento superiore all’8% rispetto al 30 giugno 2018. Le nuove erogazioni a medio termine del primo semestre 2019 sono state consistenti, raggiungendo i 301 milioni, nonostante il generale rallentamento della richiesta di credito.

Per quanto riguarda le concessioni di mutui alle imprese con garanzia dello Stato (legge 662/96) nei primi sei mesi del 2019 sono state concluse 718 operazioni, per un controvalore di 132 milioni (+ 3,81% rispetto al 30 giugno 2018). Circa 440, infine, le famiglie che hanno acquistato la prima casa grazie ai prodotti del nostro Istituto, per un erogato complessivo che ha sfiorato i 54 milioni.

I crediti deteriorati netti si sono ulteriormente ridotti nell’ultimo anno, in linea con le previsioni del Piano Npl. Il rapporto crediti deteriorati netti/impieghi netti risulta pari al 6,72% (8,94% al 30 giugno 2018) e il rapporto sofferenze nette/impieghi netti è pari al 3,71% (4,65% al 30 giugno 2018). In valore assoluto, la riduzione dei crediti deteriorati netti nel semestre è stata di 15,3 milioni di euro. La diminuzione delle sofferenze, oltre alle attività di recupero ordinarie, è dovuta ad attività di derisking adottate dalla banca.

Tra il quarto trimestre 2018 e il primo trimestre 2019, infatti, è stata conclusa una cessione di circa 150 milioni di euro di crediti a sofferenza mentre nei prossimi mesi è prevista un’ulteriore dismissione, per una somma pari a circa 50 milioni di euro, che consentirà alla Banca di conseguire un Npl Ratio (rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale impieghi) inferiore al 10% (al 30 giugno tale indicatore si attestava all’11,19%, già in forte riduzione rispetto al 17% del primo semestre 2018). Considerato quanto sopra, si prevede di conseguire gli obiettivi di Npl Ratio in anticipo rispetto al piano.

I fondi propri, base di calcolo per i requisiti di vigilanza, ammontano a 409 milioni di euro (394 milioni di euro al 30 giugno 2018). I coefficienti patrimoniali di vigilanza, si confermano solidi e largamente al di sopra rispetto a quelli richiesti, con il Common Equity Tier 1 al 14,64% ed il Tier Total al 16,23%. Il patrimonio netto al 30 giugno 2019 risulta pari a 336 milioni di euro, in aumento del 3,13% rispetto al 30 giugno 2018. Tale variazione è da imputare all’allocazione a riserva di utili di parte del risultato dell’esercizio precedente.

Il numero dei conti correnti è passato dagli 81.713 al 30 giugno 2018 agli attuali 87.076, facendo registrare un incremento pari al 6,6%.

Al 30 giugno 2019 i soci di Banca Valsabbina sono 39.231, in aumento rispetto ai 38.872 del primo semestre 2018.

com/cce

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer