Cina: arrestato scrittore australiano per spionaggio

17

La Cina ha arrestato Yang Hengjun, uno scrittore

australiano, per presunte attività di spionaggio, aggravando le relazioni

già tese tra i due Paesi.

Lo ha reso noto il Governo dell’Australia. Yang, che era stato in

custodia negli ultimi sei mesi, è stato formalmente arrestato in Cina il

23 agosto con il sospetto di aver condotto attività di spionaggio, ha

detto il ministro degli Esteri australiano, Marise Payne. Se venisse

condannato Yang potrebbe essere costretto a scontare una lunga pena

detentiva.

“Yang è stato trattenuto a Pechino in condizioni difficili senza accuse

per più di sette mesi. Da quel momento, la Cina non ha mai spiegato i

motivi della detenzione di Yang, né gli ha consentito di avere contatti

con i suoi avvocati o la sua famiglia, ha detto Payne, aggiungendo di

essere molto preoccupata per la salute di Yang e le condizioni in cui è

stato detenuto.

Yang è nato in Cina e ha lavorato per il ministero degli Esteri prima di

emigrare in Australia. Sui social media a volte ha criticato duramente il

partito comunista al potere in Cina.

Payne ha detto che se Yang è stato arrestato per le sue convinzioni

politiche, deve essere rilasciato. “Continuerò a lottare con forza a nome

di Yang per avere una spiegazione soddisfacente dei motivi che hanno

portato al suo arresto, per far sì che venga trattato in modo rispettoso e

che gli sia permesso di tornare a casa”, ha detto il ministro.

La sua detenzione a gennaio ha seguito mesi di tensioni tra l’Australia

e Pechino per la decisione di Canberra di escludere il gigante delle

telecomunicazioni cinese, Huawei Technologies dalle sue reti di

comunicazione 5G di prossima generazione e di contrastare l’influenza

cinese nell’Oceano Pacifico meridionale.

Stamattina a Pechino, i media statali cinesi non avevano rilasciato

dichiarazioni sul caso di Yang.

L’ultima accusa rafforza i parallelismi tra il caso di Yang e quelli di

Michael Kovrig e Michael Spavor, due cittadini canadesi che sono stati

arrestati dalle forze di sicurezza cinesi alla fine dell’anno scorso, non

molto tempo dopo che la polizia canadese aveva arrestato la Cfo di Huawei,

Meng Wanzhou, su richiesta degli Stati Uniti. Kovrig e Spavor sono stati

successivamente arrestati formalmente con l’accusa di spionaggio.

Yang è stato arrestato dopo essere arrivato in aereo nella città

meridionale cinese di Guangzhou da New York, è stato poi posto sotto

“vigilanza domiciliare” ed è stato infine trasferito in un centro di

detenzione a Pechino a luglio, secondo i suoi avvocati.

I funzionari dell’Ambasciata australiana hanno fatto visita a Yang sette

volte dalla sua detenzione, l’ultima volta è stata il 25 luglio.

cos

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer