Imprese: Unioncamere, 1 su 10 gestite da stranieri

26

Una impresa su 10 in Italia è gestita da stranieri. Alla fine di giugno queste aziende hanno superato le 600.000 unità, grazie ad una crescita – nel secondo trimestre dell’anno – di 6.800 unità (+1,1% rispetto al trimestre precedente, il doppio della media delle imprese nello stesso periodo: +0,5%).

E’ quanto risulta dall’analisi di Unioncamere e InfoCamere sulle imprese di stranieri nel periodo aprile-giugno dell’anno in corso. Le imprese guidate da stranieri, precisa il comunicato, si concentrano soprattutto nel commercio, nei lavori di costruzione e nella ristorazione e, in 8 regioni su 20, rappresentano oltre il 10% delle attività economiche. Il 40% di queste imprese si concentra nelle grandi province, a cominciare da Roma, che ha oltre 69.000 attività di imprenditori stranieri. In termini di crescita le variazioni più elevate sono: Brindisi (+3,1%), Taranto (2,9%) e Terni (+2,8%).

I settori in cui le imprese di stranieri sono più numerose sono il commercio al dettaglio (161.000), i lavori di costruzione specializzati (113.000) ed i servizi di ristorazione (quasi 47.000). In altri due settori, le imprese di stranieri arrivano a rappresentare un terzo del totale. E’ il caso delle 17.000 attività di “confezione di articoli di abbigliamento”, pari al 31,4% delle imprese del comparto, e delle 3.400 imprese del settore delle “telecomunicazioni”, che sono il 33,2% del totale.

com/man

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer