Italia: Salvini in difesa, parola a Conte (MF)

3

Il tabellone dell’Aula del Senato ha certificato l’emergere di una maggioranza che mette assieme Movimento 5 Stelle e Partito democratico. Non passa quindi l’accelerazione del Carroccio, che assieme a Fratelli d’Italia avrebbe voluto votare già oggi la mozione di sfiducia contro il premier Giuseppe Conte presentata dai leghisti. Il l blitz contro il governo di cui fanno parte, per sciogliere al più presto le Camere e massimizzare il consenso popolare nelle urne non è riuscito.

Matteo Salvini, si legge su MF, ha però scompigliato le carte per l’ennesima volta. Annusando l’ipotesi di maggioranze alternative, pronte a subentrare e allontanare le elezioni, il ministro dell’Interno ha infatti aperto alla proposta pentastellata di votare già la prossima settima il taglio dei parlamentari, arrivato alla seconda lettura alla Camera, per poi andare subito al voto.

Una mossa che allunga i tempi della crisi e complica i piani mentre nelle retrovie si discuteva di possibili governi istituzionali per mettere in sicurezza i conti, a rischio in caso di elezioni in autunno, nel mezzo della sessione di bilancio. Matteo Renzi prima del voto in Aula ne aveva anche delineato i possibili contorni, evocando il pericolo di una recessione più dura di quella del 2011.

red/alb

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer