La cavalcata della multiutility

245

ROMA – Controllano luce, gas, acqua e rifiuti, sono partner delle compagnie telefoniche nello sviluppo delle nuove reti a banda ultralarga: le multiutility sono la nuova faccia dell’economia a controllo pubblico. Società quotate, con azionisti privati accanto ad una forte presenza degli enti locali da cui sono nate, stanno vivendo una fase di grande dinamismo. Mietono risultati positivi, come enumera l’inchiesta a firma di Luca Pagni che apre il numero di Affari & Finanza in edicola domani gratuitamente con il quotidiano. A2a e Acea, Hera e Iren volano al listino e negli ultimi quattro anni hanno visto raddoppiare le loro capitalizzazioni.

Nello stesso arco di tempo i loro fatturati sono cresciuti del 60% e ancora meglio hanno fatto i margini, con il raddoppio degli utili. Intanto il mercato dei capitali scopre che l’arte è un mercato che va ben oltre gli interessi di…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer