Lavoro e intelligenza artificiale, Jack Ma: “nel futuro lavoreremo solo 12 ore a settimana”

24

Una settimana lavorativa di appena 12 ore è il futuro che ci attende secondo Jack Ma, il miliardario cinese fondatore del colosso di e-commerce Alibaba. Nel corso di una conferenza dedicata ai temi del futuro tecnologico, a Shanghai, parlando con Elon Musk, fondatore di Tesla, Jack Ma ha sostenuto che i progressi tecnologici consentiranno alle persone di vivere più a lungo e lavorare molto meno ore. “Con ogni rivoluzione tecnologica, le persone iniziano a preoccuparsi. Negli ultimi 200 anni ci siamo preoccupati [che] la nuova tecnologia potesse togliere tutti i posti di lavoro”, ha detto Ma. In passato il miliardario cinese aveva sostenuto la regola del “996” da applicare ai lavoratori operanti specialmente nell’industria tecnologica cinese che tradotto significa orario di lavoro dalle 9.00 alle 21.00, sei giorni alla settimana, considerando il lavoro non come un sacrificio, ma una “vera benedizione…

Jack Ma: dalla regola “996” alle 12 ore a settimana

C’è anche chi è andato oltre e ha considerato quella del “996” di Ma una regola per fannulloni. Tale Richard Liu, amministratore delegato della società di e-commerce rivale JD.com, secondo cui  la prassi è lavorare seguendo lo schema “8116+8″, ossia dalle 8 del mattino alle 11 di sera dal lunedì al sabato e poi9 la domenica “solo” otto ore. Ora la svolta per Jack Ma che parlando con Elon Musk ha ipotizzato che in futuro si potrà godere di una settimana lavorativa molto più breve. “Nei prossimi 20-30 anni, gli esseri umani vivranno molto più a lungo. La tecnologia delle scienze della vita farà vivere le persone probabilmente 100 o 120 anni”,” ha detto Ma. “Penso che le persone dovrebbero lavorare tre giorni alla settimana, quattro ore al giorno”, e questo…
Leggi anche altri post Agenzie o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer