Piazza Affari chiude in profondo rosso trascinata dalle banche

4

L’allarme sulla crescita globale spinge in profondo rosso Piazza Affari, insieme a tutti gli altri listini del Vecchio continente. Dopo un avvio in calo di circa mezzo punto percentuale, il Ftse Mib ha progressivamente accelerato al ribasso, complice l’intonazione negativa di Wall Street. A fine giornata l’indice ha segnato una flessione del 2,53% finendo a 20.020,28 punti e rimangiandosi il rimbalzo della vigilia.

A rabbuiare l’umore degli investitori sono stati i deboli riscontri macro che alimentano i timori recessivi a livello globale. In particolare, la produzione industriale cinese ha segnato il tasso di crescita più basso dal 2002, mentre la Germania ha visto il Pil scivolare in negativo con il concreto rischio di recessione tecnica se anche il trimestre in corso andrà sotto zero. Rallenta la…
Leggi anche altri post Agenzie o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer