Pil: Confcommercio, da dati Istat quadro preoccupante

16

Il quadro che emerge dai dati degli ultimi giorni è indubbiamente preoccupante: l’economia italiana è sostanzialmente ferma da cinque trimestri e non si intravedono segnali di un concreto miglioramento nel breve periodo.

E’ il commento dell’Ufficio studi di Confcommercio sui dati Istat di oggi. L’aspetto più critico, prosegue la nota, che rischia a breve di subire anche i contraccolpi del rallentamento dell’economia europea, è rappresentato dalla perdurante stagnazione dei consumi delle famiglie.

Nel primo semestre del 2019, la presenza di un’inflazione ai minimi storici e la crescita dei livelli occupazionali non sono stati sufficienti a determinare una sia pur minima ripresa. In quest’ottica, conclude la nota, è importante arginare la progressiva perdita di fiducia, anche attraverso la sterilizzazione degli interventi sull’Iva, al fine di creare prospettive migliori per il 2020, evitando che ci si limiti ad un incremento del Pil infinitesimale come nell’anno in corso.

com/man

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer