Usa: Purdue si prepara a patteggiare (MF)

14

Nuovo episodio nella crisi degli oppioidi che sta scuotendo le case farmaceutiche americane.

Dopo la multa da 572 milioni di dollari inflitta a Johnson&Johnson da un tribunale della contea di Cleveland a Norman, in Oklahoma, il faro si è acceso su Purdue Pharma, azienda considerata tra le maggiori responsabili di morte da oppioidi negli Stati Uniti, si legge su MF. Dal 1996 Purdue è infatti produttrice dell’oppioide OxyContin, uno dei farmaci con effetti simili a quelli della morfina da cui un grande numero di americani è diventato dipendente nonostante fosse stato massicciamente pubblicizzato come farmaco che non generava dipendenza.

Travolto dallo scandalo, il colosso Usa sta cercando di correre ai ripari per salvare il salvabile. Secondo il New York Times starebbe infatti negoziando un accordo da 12 miliardi di dollari per chiudere le oltre duemila azioni legali che sono state intentate da governi locali e statali contro la società e i suoi azionisti. In particolare, la famiglia Sackler, proprietaria dell’azienda farmaceutica, sarebbe pronta a rinunciare al controllo e a versare 3 miliardi di dollari per chiudere le cause in corso.

red/fch

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer