Yemen: Pompeo invita Governo e fazione locale a porre fine a guerra

10

Il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, ha esortato il Governo dello Yemen e una fazione locale a risolvere la disputa sul controllo del sud del Paese, che minaccia gli sforzi guidati dall’Arabia Saudita per ristabilire il controllo su tutto il Paese e porre fine alla guerra.

La fazione yemenita Southern Transitional Council (Stc) combatte a fianco delle forze governative in una coalizione internazionale sostenuta dagli Stati Uniti e guidata dall’Arabia Saudita contro i ribelli Houthi, allineati all’Iran, nel nord del Paese ma sta anche cercando di dar vita a uno Stato separato nel sud dello Yemen.

Le agende contrastanti dei due schieramenti per lo Yemen hanno spesso provocato scontri e tre settimane fa la Stc ha preso il controllo della capitale ad interim del governo, Aden. Ieri le due parti hanno combattuto per il controllo della città e gli scontri hanno messo in luce profonde fratture nella coalizione che minacciano di frammentarla.

“E’ molto importante per l’unità, la stabilità e la prosperità dello Yemen che il Governo yemenita e la Stc risolvano la loro disputa”, ha detto Pompeo in un tweet, dopo aver incontrato Khalid bin Salman, vice ministro della Difesa saudita e fratello del principe ereditario, Mohammad bin Salman.

“Oggi ho avuto un incontro produttivo con Khalid bin Salman per discutere di Yemen, sicurezza marittima, contrasto alle attività pericolose dei regimi iraniani e diritti umani”, ha affermato Pompeo.

Il principe Khalid è alla guida di una delegazione saudita negli Stati Uniti per discutere di relazioni e questioni bilaterali relative alla sicurezza e alla stabilità regionale. Washington sta cercando di spingere Riad a prendere parte a colloqui segreti con i leader degli Houthi nel tentativo di mediare un cessate il fuoco nello Yemen.

Il ministro dell’Informazione dello Yemen, Moammar al-Eryani, ha affermato che i soldati del Governo e le guardie presidenziali hanno messo in sicurezza Aden e i suoi dintorni. L’Esecutivo ha trasmesso filmati e foto dei suoi soldati per le strade della città portuale.

In un discorso registrato da Aden, uno degli ufficiali della Stc, il generale maggiore, Ahmed bin Breik, ha affermato però che i ribelli hanno ancora il pieno controllo della città. Gli scontri più recenti sono scoppiati dopo che i combattenti della Stc hanno conquistato il palazzo presidenziale di Aden il 10 agosto. L’Arabia Saudita ha chiesto un cessate il fuoco ma le forze fedeli al presidente, Abed Rabbo Mansour Hadi, si sono rifiutate di incontrare i ribelli e hanno lanciato l’ offensiva.

cos

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer