Fca: Bolloré (Renault), fusione con Lingotto non più sul tavolo (MF)

8

Clicca qui per i Grafici di Fiat Chrysler Automobile...

L’offerta per la fusione tra Renault e Fca «non è più sul tavolo: è un grande rimpianto ma è il passato». Lo ha detto il ceo del gruppo francese, Thierry Bolloré, a margine del salone dell’auto di Francoforte, ribadendo ancora una volta che l’aggregazione tra la casa della Losanga e il Lingotto al momento non rappresenta la priorità per il gruppo transalpino, concentrato ora sulla ristrutturazione dell’alleanza con Nissan.

Si è trattato, ha aggiunto il numero uno di Renault , di «un’occasione mancata», ma «non stiamo più parlando con Fca . La nostra priorità è aiutare Nissan a diventare più efficiente», si legge su MF.

Già sabato 7 settembre, nell’ambito del Forum Ambrosetti di Cernobbio, il ministro francese dell’Economia Bruno Le Maire aveva gettato acqua sul fuoco in merito all’ipotesi che, con il rimpasto manageriale in corso in Nissan, potessero riprendere i negoziati tra Renault e Fca . «L’aspetto chiave è rafforzare l’alleanza tra Renault e Nissan e sono stato molto chiaro: Renault e Nissan devono proporre una visione strategica chiara del loro futuro e secondo me è sempre meglio procedere per gradi e non fare tutto insieme», aveva spiegato Le Maire interpellato sulla possibilità di un rilancio del piano di fusione tra la casa torinese e Renault alla luce della nascita del nuovo governo italiano. E pensare che giusto l’altroieri lo stesso Bolloré, in un’intervista al quotidiano tedesco Handelsblatt, aveva sottolineato che «la logica industriale dietro l’accordo tra Fca e Renault è ancora corretta» riaccendendo qualche speranza per l’aggregazione. Dichiarazioni che probabilmente non sono state gradite a Parigi.

fch

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer