B.Mps: aderisce alla XVIII edizione di Invito a Palazzo

69

Clicca qui per i Grafici di Bca Mps

Banca Monte dei Paschi di Siena aderisce alla XVIII edizione di Invito a Palazzo. Arte e storia nelle Banche e nelle Fondazioni di origine bancaria, la manifestazione annuale promossa dall’Abi, in collaborazione con Acri-Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che mette in mostra, per un’intera giornata, opere d’arte e capolavori conservati nelle sedi storiche delle banche, delle fondazioni e delle casse di risparmio solitamente non accessibili al pubblico.

Sabato 5 ottobre Banca Monte dei Paschi aprirà al pubblico tre sedi – Palazzo Salimbeni a Siena, Palazzo Strozzi a Mantova e Palazzo dei Montivecchi a Padova – dalle ore 10 alle ore 19, con visite guidate gratuite, senza necessità di prenotazione. L’iniziativa offre l’opportunità ad appassionati, cittadini e turisti di visitare in via del tutto straordinaria alcuni dei gioielli architettonici di Banca Mps generalmente chiusi perché sedi di lavoro e una collezione culturale e artistica, che è elemento distintivo, all’interno del panorama bancario nazionale e non solo.

A Siena i visitatori potranno ammirare il complesso architettonico che si affaccia su Piazza Salimbeni, con l’antico “castellare” della nobile famiglia di mercanti e banchieri senesi, il rinascimentale Palazzo Spannocchi e le forme eclettiche di Palazzo Tantucci che ospita sin dalla sua costituzione (4 marzo 1472) la Sede della più antica banca al mondo ancora in attività e custodisce memorie storiche e testimonianze artistiche di valore inestimabile.

Alle visite guidate contribuiranno gli studenti del Liceo Artistico “Duccio di Buoninsegna” di Siena in qualità di “Guide per un giorno”, iniziativa che ha lo scopo di diffondere l’arte nelle scuole e sarà sostenuta dagli Uffici scolastici regionali.

A Mantova sarà aperto Palazzo Strozzi in Corso Vittorio Emanuele II, 30, un edificio eclettico, che si ispira per alcuni aspetti a modelli del Quattrocento toscano e per altri a modelli veneziani, situato dove nel XV secolo sorgeva la dimora dei Folenghi e fino ai primi decenni del XIX secolo un palazzo patrizio di proprietà del marchese Francesco Torelli. Nel Settecento l’edificio fu ricostruito dopo un disastroso incendio e dal 1949 è stato sede della Banca Agricola Mantovana e successivamente di Banca Monte dei Paschi di Siena. Sono previste visite guidate con partenza programmata ai seguenti orari: 10h00; 11h30; 15h00; 16h00; 17h00; 18h00.

A Padova l’iniziativa consentirà ai partecipanti di addentrarsi in un singolare itinerario archeologico all’interno di Palazzo dei Montivecchi in Via Verdi, 13/15, (già sede di Banca Popolare Veneta): dalla parte cantinata, che mostra la strada romana, alla torre medievale, dalla colonna cinquecentesca all’intervento moderno. Una passeggiata che si snoda attorno allo scalone centrale e che evidenzia la millenaria stratificazione di Padova nei secoli.

In occasione dell’evento verrà presentato il plastico del sito archeologico destinato a soggetti ipovedenti realizzato dagli studenti del Liceo Artistico “Pietro Selvatico” (Padova) in collaborazione con Fondazione Antonveneta e con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – sezione provinciale di Padova.

fch

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer