Nigeria chiede 62 mld dollari a società petrolifere – procuratore generale

8

LAGOS (Reuters) – La Nigeria sta chiedendo 62 miliardi di dollari alle aziende petrolifere in base alle leggi che consentono al governo del paese di rivedere gli accordi per la ripartizione dei ricavi sulle vendite di petrolio nel caso in cui i prezzi superino i 20 dollari il barile.

Così ha detto a Reuters il procuratore generale nigeriano.

Il governo del maggior esportatore di petrolio in Africa dipende dal petrolio per il 90% dei scambi con l’estero. I prezzi sono saliti oltre i 100 dollari il barile nel 2014 prima di un drastico calo che ha portato la Nigeria in recessione nel 2016, creando difficoltà al governo per finanziare il bilancio.

Una norma risalente agli anni ’90 riguardante i contratti in cui la produzione di petrolio viene condivisa consente al governo di rivedere la ripartizione dei ricavi se i prezzi superano i 20 dollari…
Leggi anche altri post markets o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer