Portogallo: Socialisti vincono elezioni ma senza maggioranza assoluta

10

Il primo ministro socialista, Antonio Costa, che ha presieduto una delle storie di successo piú brillanti della zona euro, ha ottenuto il maggior numero di voti nelle elezioni nazionali del Portogallo ieri, senza però riuscire ad aggiudicarsi una maggioranza assoluta. Tale risultato porterá il neo premier a rivolgersi ad altri partiti di estrema sinistra per formare un nuovo esecutivo.

Durante gli ultimi quattro anni Costa ha governato il Paese grazie al sostegno di due partiti di estrema sinistra: il partito Comunista e il Blocco di Sinistra. In seguito al voto il leader ha affermato che avrebbe cercato di mantenere la stessa alleanza e che l’avrebbe estesa ad altri piccoli partiti. Non è chiaro tuttavia, se Costa riuscirá o meno ad ottenere il loro supporto.

Il risultato delle elezioni ha mostrato che i Socialisti, guidati dal neopremier, hanno ottenuto 106 poltrone in Parlamento, a fronte delle 116 necessarie per la maggioranza assoluta. I socialdemocratici conservatori sono invece arrivati secondi, con un punteggio di 77, seguiti dal Blocco di sinistra, con 19 seggi, e dal Partito Comunista, con 12 seggi.

“I portoghesi vogliono un nuovo Governo di un partito Socialista che possa governare con stabilitá. Vogliono continuitá”, ha commentato Costa.

voc

valentina.corsi@mfdowjones.it

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer