Usa: Casa Bianca verso consegna documenti telefonata Trump-Zelensky a Camera

14

Le Commissioni della Camera Usa che stanno conducendo l’indagine per l’impeachment del presidente, Donal Trump, hanno dichiarato che sarà emesso un ordine per costringere la Casa Bianca a consegnare i documenti relativi a un paio di telefonate tra Trump e il presidente ucraino, Volodmyr Zelensky.

Separatamente, la Commissione Intelligence della Camera ha rivelato che la talpa le cui accuse hanno scatenato l’indagine ucraina ha contattato il panel prima di presentare la denuncia formale che accusa il presidente Trump di aver abusato del suo potere nel tentativo di fare pressione sull’Ucraina per trovare informazioni compromettenti sul suo rivale politico, il democratico Joe Biden. La Commissione ha consigliato alla talpa di contattare un ispettore generale e di chiedere assistenza legale e non ha visto il reclamo prima che fosse presentato, secondo un portavoce del presidente della Commissione.

La speaker della Camera Usa, Nancy Pelosi, ha formalmente avviato un’indagine sull’impeachment la scorsa settimana. I democratici alla Camera e l’amministrazione statunitense si sono scontrati sulla richiesta di testimoniare fatta ai funzionari e su quali documenti mettere a disposizione degli investigatori della Camera.

“Il disprezzo per le molteplici richieste volontarie di documenti da parte della Casa Bianca, insieme ad avvertimenti severi e urgenti da parte dell’ispettore generale sulla gravità di queste accuse, non ci ha lasciato altra scelta se non quella di emettere questo ordine”, si legge in un memo dei democratici alla guida delle Commissioni Intelligence, Vigilanza e Affari Esteri della Camera. Il documento accompagna una bozza dell’ordine che verrà presentato al capo di gabinetto della Casa Bianca, Mick Mulvaney, domani dalla Commissione di Vigilanza.

Trump ha respinto la controversia relativa all’Ucraina, definendola una bufala e ha detto di non aver fatto nulla di male nella chiamata del 25 luglio con Zelensky. “i democratici dovrebbero concentrarsi sulla costruzione del nostro Paese, senza sprecare tempo ed energie in stupidaggini”, ha twittato il presidente.

Parlando con i giornalisti, Trump ha detto dei democratici che “stanno cercando di mettermi sotto accusa dal giorno in cui sono stato eletto. E sapete cosa? Hanno fallito. E questo è uno degli errori più semplici”.

Il presidente ha anche ripetuto che il presidente della Commissione Intelligence della Camera, Adam Schiff, dovrebbe dimettersi per aver parlato, il mese scorso della telefonata che Trump ha avuto con il presidente ucraino, in cui Schiff ha paragonato il comportamento del presidente Usa a quello di un boss della mafia.

Pelosi, durante una conferenza stampa, ha dichiarato che il presidente sta tradendo il suo giuramento. “Questo presidente degli Stati Uniti si sta piegando a un livello inferiore alla dignità della Costituzione degli Stati Uniti”, ha detto la speaker, aggiungendo che i fondatori della Nazione hanno definito dei limiti per assicurarsi che i presidenti non superino i loro poteri e “non hanno mai pensato che avremmo avuto un presidente che li avrebbe superati”.

A oggi, la Casa Bianca ha rifiutato di consegnare i documenti alle Commissioni della Camera. “Questo non è altro che ulteriori richieste di documenti, tempo sprecato e dollari dei contribuenti che alla fine dimostreranno che il presidente non ha fatto nulla di male”, ha detto la portavoce della Casa Bianca, Stephanie Grisham, aggiungendo che “i democratici possono continuare nella loro lotta ma il presidente continuerà a lavorare per questo Paese”.

Se la Casa Bianca continuerà a ignorare le richieste, i democratici hanno detto che potrebbe costituire la base per la richiesta dell’impeachment contro il presidente.

cos

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer