Economia: Epal, con i pallet risparmi per 2,5 mld/anno

10

Grazie ai pallet si risparmiano ogni anno 2,5 miliardi di euro e si riducono di 12 volte i trasporti delle merci.

E’ quanto emerge da una ricerca presentata a Rimini durante Ecomondo da Epal Italia e dai ricercatori della Liuc Università Cattaneo.

Le imprese del settore del largo consumo risparmiano ogni anno oltre 1,8 miliardi di euro grazie ai pallet in legno. Una cifra davvero significativa se si pensa che, a fronte di un investimento di 12,5 euro (9 per l’acquisto e 3,5 per la riparazione) si evitano oltre 1200 euro di costi logistici, una somma 100 volte superiore rispetto alla spesa sostenuta. Numeri che, estesi a tutti i flussi che in Italia viaggiano su pallet Epal, fanno sì che il beneficio complessivo per l’economia nazionale ammonti ad oltre 2,5 miliardi di euro l’anno.

“Le cifre che emergono dalla ricerca dimostrano come il pallet ricopra un ruolo fondamentale nella logistica e, più in generale, nell’economia del nostro Paese”, spiega Davide Dellavalle, coordinatore del comitato tecnico Epal Italia. “Dall’analisi risulta chiaro come la sua introduzione abbia rivoluzionato gli scambi commerciali, apportando non solo vantaggi di natura economica, ma anche evidenti benefici sulla salute e sul benessere degli operatori di magazzino. Gli effetti positivi ricadono persino sui consumatori finali: il risparmio annuo derivante dalla presenza del sistema pallet EPAL interscambiabile è, infatti, pari a 100 euro l’anno per famiglia. Affidabile perché garantisce maggiore stabilità e sostenibile perché può essere interscambiato limitando i viaggi dedicati esclusivamente al recupero dei supporti, il pallet Epal è da vent’anni uno strumento imprescindibile per la logistica e Conlegno è sempre in prima linea per diffondere e promuovere il suo utilizzo”.

fus

marco.fusi@mfdowjones.it

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer