Le sliding doors di Irene Vecchione, da maratoneta delle startup a manager della formazione

19

Un esame sbagliato all’università, un altro inaspettatamente brillante. Questione di sliding doors per Irene Vecchione. Napoletana, 46 anni, amministratrice delegata di Tack Tmi Italia, nuovo brand globale del learning & development di Gi Group, la multinazionale italiana del lavoro che lo ha acquisito nel 2016 e ha 2,3 miliardi di euro 2018 di giro d’affari globale. Nel mondo del lavoro interinale, Vecchione ha cominciato da Adecco, aprendo a Napoli, nel 1997, la prima agenzia nel Sud Italia.

Aveva inseguito la sua passione per le lingue straniere andando a studiare a Londra per qualche anno e poi tentando di iscriversi alla scuola di interpretariato a Trieste, l’unica in Italia. A scoraggiarla è stata in particolare la madre. Pasqualina Caligiuri, insegnante di lingue, che la spingeva verso un traguardo più ambizioso. “Temeva che se non fossi riuscita ad entrare a Trieste, l’Istituto Orientale di…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer