Ma i tedeschi della ex Ddr continuano a sentirsi “diversi”

35

BERLINO – È successo proprio qui. Qui dove ora il tram sferraglia. Alcuni ciclisti allungano la pedalata. E una scolaresca si incammina, in fila ordinata. Proprio qui, sul Bösebrüche, trent’anni fa una folla crescente si ritrovò al valico, per verificare se davvero, come avevano sentito in tv, potessero andare liberamente da Est ad Ovest. Allora, proprio qui, il Muro di Berlino crollò del tutto.

Una coppia di anziani si ferma davanti alle targhe che, alle due estremità del ponte, ricordano la nascita e la morte della barriera, che per 28 anni è stato il simbolo più concreto e drammatico della divisione di un mondo. Per questo tren…
Leggi anche altri post su Economia Mondo o leggi originale
Ma i tedeschi della ex Ddr continuano a sentirsi “diversi”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer