Acea: in 2019 utile a 284 mln (+5% a/a), cedola di 0,78 euro


Grafico Azioni Acea (BIT:ACE)
Intraday

Oggi : Lunedì 9 Marzo 2020

Clicca qui per i Grafici di Acea

Il risultato netto del gruppo Acea nel 2019 si attesta a 284 milioni di euro, con un incremento di 13 milioni rispetto al 2018 (+5% a/a).

I ricavi netti consolidati, spiega una nota, ammontano a 3,186 mld di euro, in crescita di 158 milioni (+ 5%) rispetto al 2018, principalmente a seguito dell’incremento dei ricavi del servizio idrico integrato +221 milioni).

L’Ebitda passa dai 933 milioni del 2018 ai 1.042 milioni del 31 dicembre 2019, registrando una crescita di 109 milioni (+12%).

L’Ebit è di 518 milioni e segna un incremento di 40 milioni (+8%)

rispetto al 2018, L’aumento è mitigato dalla crescita degli ammortamenti (+43 milioni rispetto al 2018), principalmente per la variazione del perimetro di consolidamento per 40 milioni (di cui 21 milioni relativi a Gori e 4 milioni all’Acquedotto del Fiora).

Il risultato della gestione finanziaria, nel 2019, evidenzia oneri netti per 90 milioni, con un incremento di 7 milioni rispetto al 2018. Al 31 dicembre 2019 il costo globale medio all in del debito del Gruppo Acea si è attestato al 2,15% contro il 2,21% dell’anno precedente.

Gli investimenti realizzati nel 2019 sono pari a 793 milioni di euro, in sensibile crescita rispetto all’anno precedente (631 milioni), di cui circa l’81% destinati ad attività regolate.

In dettaglio gli investimenti sono ripartiti tra: Idrico 380 milioni, infrastrutture energetiche 288 milioni, Commerciale e Trading 43 milioni, Ambiente 52 milioni, Estero 7 milioni, Ingegneria e Servizi 2 milioni, Capogruppo 22 milioni.

La variazione del Capitale circolante netto al 31 dicembre 2019 è negativa per 16 milioni, in miglioramento rispetto al 2018 di circa 20 milioni (-35 milioni nel 2018).

L’assorbimento di capitale circolante per effetti regolatori è pari a 41 milioni. L’ottimo andamento del capitale circolante è guidato dalle performance di incasso su tutte le aree di business, in particolare dell’area commerciale.

L’Indebitamento finanziario netto del gruppo registra un incremento complessivo pari a 495 milioni, passando da 2,6 mld a fine 2018 a 3,063 mld al 31 dicembre 2019. Tale variazione è conseguenza dell’incremento degli investimenti del periodo e delle dinamiche del cash flow operativo. Contribuiscono alla crescita dell’indebitamento l’applicazione dell’Ifrs16 per 64 milioni, gli effetti del consolidamento di Acquedotto del Fiora e delle operazioni di M&A. Il rapporto Pfn/Ebitda, al 31 dicembre 2019, è di 2,9x.

Il Cda proporrà all’assemblea ordinaria degli azionisti la distribuzione di un dividendo pari a 0,78 euro per azione che sarà messo in pagamento a partire dal 24 giugno, con stacco della cedola il 22 giugno e record date il 23 giugno.

com/cce