Finanza

Eni acquista un apparato di liquefazione galleggiante per produrre GNL nella Repubblica del Congo

Il gruppo energetico Eni ha comunicato venerdì di aver conseguito Tango FLNG per produrre ed portare all’estero gas naturale liquefatto (LNG) dalla Repubblica del Congo, mentre l’Italia si affretta a ritrovare forniture alternative al gas russo.

Dopo l’invasione dell’Ukraine da parte della Russia a febbraio, i Ministri italiani e l’amministratore delegato dell’Eni si sono recati in Africa per firmare contratti per assicurarsi ulteriori forniture di gas.

Lo sviluppo della capacità di GNL fa parte della strategia per diminuire la dipendenza da Mosca, che l’anno scorso ha fornito circa il 40% delle importazioni totali di gas del Paese.

Costruito nel 2017, l’apparato di liquefazione galleggiante Tango LNG inizierà la sua attività in Congo nella seconda metà del 2023 e diventerà parte delle operazioni di Eni del programma di sviluppo del metano nel blocco Marine XII.

La realizzazione di GNL da Marine XII dovrebbe iniziare nel 2023 e, a regime, fornirà volumi superiori a 4,5 miliardi di metri cubi all’anno, ha comunicato Eni in una nota.

Il gruppo italiano afferma di aver conseguito Export LNG, che possiede Tango FLNG, dall’imprenditore navale belga Exmar.

Eni acquista un apparato di liquefazione galleggiante per produrre GNL nella Repubblica del Congo

acquista apparato liquefazione


FIMA2632# 2022-08-05T19:34:08+02:00

Show More