Adozioni gay, una proposta di legge tenta di bloccarle

A rischio i diritti delle coppie gay in tema di adozioni. Una proposta prova a cancellare una riga della legge che permette anche alle coppie arcobaleno di crescere un figlio.

La legge sulle unioni civili del 2016 non ha esteso alle coppie dello stesso sesso la possibilità di adozione del figlio del coniuge (la cosiddetta Stepchild) riservata ai coniugi eterosessuali dall’art. 44 lett. b) della L. 184/1983 che indica come il minore possa essere adottato “dal coniuge nel caso in cui il minore sia figlio anche adottivo dell’altro coniuge”. I giudici, però, hanno sempre autorizzato, dal 2014, l’adozione anche all’interno delle famiglie arcobaleno, grazie a una norma diversa da quella che prevede la stepchild (l’art. 44 lett. d) che indica come il minore possa essere adottato “quando vi sia la constatata impossibilità di affidamento preadottivo”, ovvero quando non vi…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer