Alstom-Siemens, la bocciatura Ue alla fusione fa arrabbiare Parigi

MILANO – L’Europa va verso lo stop al matrimonio sull’asse franco-tedesco tra Alstom e Siemens, e per il ministro delle Finanze di Parigi, Bruno Le Maire, fa un favore alla Cina.

L’ufficialità della decisione presa dalla struttura Antitrust europea, guidata da Margrethe Vestager, si aspetta in giornata. Ma i giochi sembrano fatti, come già hanno fatto intuire le indiscrezioni della vigilia raccolte dalla Afp. Lo stesso Le Maire ha impicitamente confermato stamattina il veto della Commissione europea al progetto di fusione, quando ha parlato di “un errore” che “favorirà gli interessi” della Cina. “Credo – ha affermato il ministro intervistato da France 2 – che i giochi siano chiusi. Mi rammarico profondamente perché lo ritengo un errore economico”, “un errore politico” che “indebolisce l’Europa”, ha aggiunto.

I governi di Francia e Germania, così come le…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer