Notizie

Ambiente, lavoro, comunità: l’impatto dell’ecommerce

This content has been archived. It may no longer be relevant

Nero su bianco, per 101 pagine Amazon descrive il suo impegno per la sostenibilità. Un passaggio cruciale del Report annuale ha però attirato critiche: «Le emissioni di carbonio sono aumentate del 18% nel 2021; tuttavia, cosa importante, la nostra intensità di carbonio e diminuita dell’1,9% (per il 3º anno consecutivo ndr.)» e scritto nel documento sulla sostenibilità diffuso nel luglio scorso. Il problema però rimane per Amazon come per le altri grandi piattaforme.

Sebbene gli sforzi e gli investimenti infatti, l’intensità di impronta di carbonio – grazie all’utilizzo di mezzi elettrici fonti rinnovabili ecc – diminuisce lentamente rispetto ai ritmi travolgenti dei volumi dell’ecommerce che, al di là dell’effetto Coronavirus degli ultimi 2 anni, e destinato a crescere del 12% l’anno sino agli 8.300 miliardi di dollari nel 2025, secondo il Global Payment Report.

Il peso di azionisti e consumatori

La pressione a fare di più arriva ora anche dagli azionisti: all’ultima assemblea quasi la metà ha votato a favore dell’invito alla società a fronteggiare il problema degli imballaggi in plastica. La questione, che vale per Amazon come per tutte le piattaforme da Alibaba a Zalando, e come rendere il business effettivamente sostenibile, ora che gli stakeholder (azionisti, clienti e fornitori) stanno divenendo più sensibili al tema. Ma quanto impatto realmente l’ecommerce sull’ambiente, le comunità e il lavoro? Le risposte sono svariate e le questioni controverse.

Quando il negozio e vicino, l’ecommerce non conviene

La Scuola superiore Sant’Anna ha appena condotto uno studio per quantificare l’impronta ambientale delle vendite nei negozi fisici e dell’ecommerce, secondo il Life Cycle Assessment (Lca) . I ricercatori hanno delineato sei scenari e per ciascuno hanno calcolato – ipotizzando l’acquisto di un singolo prodotto – l’impronta relativa allo stoccaggio, al packaging, ai consumi dell’energia (del negozio e della procedura digitale di acquisto), i flussi di trasporti (consegna a casa o percorso per recarsi al negozio fisico) e il fine vita degli imballaggi. Sono stati inclusi anche i resi (con ipotesi al 10%) e le consegne fallite.

Ebbene, il paesaggio peggiore sotto il profilo del climate change (C02 emessa) e il negozio fisico con trasferimento di 15 Km in automobile propria. Il secondo peggiore e l’ecommerce con intermediario che stocca il prodotto (il modello classico delle grandi piattaforme), opzione leggermente peggiore rispetto al trasferimento con auto proprio di 5 km totali.

GN242917

Show More